Per Fare Televisione – Indice

PARTE INTRODUTTIVA

LE IMMAGINI E I SEGNALI

1 – La scansione delle  immagini

1.1– Gli standard PAL ed NTSC

1.2 – La scansione interlacciata

1.3 – Ulteriori parametri della scansione

1.4 – Rapporto d’aspetto delle immagini

2 – Il segnale analogico

2.1 – Il segnale in bianco e nero

2.2 – Il segnale a colori

2.3 – Il segnale nei formati RGB, Component, S-Video e Composito

2.4 – Frequenza del segnale e definizione d’immagine

3 – Il segnale digitale

3.1 – La conversione A/D

3.2 – Il bitrate e il “peso” dei segnali

3.3 – I formati ridotti

3.4 – Le compressioni

4 – L’alta definizione

5 – Profili dei segnali e livelli d’immagine

6 – L’audio

6.1 – L’audio analogico

6.2 – L’audio digitale

6.3 – La compressione

7 – Il rapporto segnale rumore

8 – Evoluzione tecnologica e qualità delle immagini

PRIMA PARTE

LE APPARECCHIATURE

Capitolo 1 – LA TELECAMERA

1 – Il corpo camera

1.1 – Il Separatore ottico

1.2 – Il Sensore di ripresa

1.2.1 – CCD-Charge Coupled Device

1.2.2 – CMOS-Complementary Metal Oxide Semiconductor

1.2.3 – Principali parametri del sensore

1.2.4 – Il Monosensore e i Sensori in Pixel shift

1.3 – La parte circuitale

1.3.1 – Generatore sincronismi

1.3.2 – Gestione segnale

1.3.3 – Regolazioni segnale

1.3.4 – Regolazioni immagine

1.4 – Le Interfacce d’uscita

2 – L’obiettivo

2.1 – Il Potere risolutivo

2.2 – L’Attacco

2.3 – La Focale

2.4 – Il Diaframma

2.5 – La Distanza di ripresa

2.6 – La Profondità di campo: regola pratica per la messa a fuoco

2.7 – Lo Stabilizzatore d’immagine

2.8 – Gli accessori

3 – Il mirino

3.1 – Mirino per camere da studio

3.2 – Mirino per camere portatili

3.3 – Il mirino ottico

3.4 – Funzionalità estese

4 – I supporti

4.1 – Supporti per camere portatili

4.1.1 – L’Impugnatura

4.1.2 – La Spalla

4.1.3 – La maniglia

4.1.4 – Sostegni manuali bilanciati

4.1.5 – Lo Steadicam o Steadycam

4.1.6 – I Supporti leggeri

4.1.7 – Le Aste telescopiche

4.1.8 – Gru con testa a comando remotabile

4.2 – Supporti per camere da studio

4.2.1 – Il Cavalletto

4.2.2 – Il Dolly

4.2.3 – Il Binario

4.2.4 – Binari a soffitto

Capitolo 2 – IL MONITOR

1 – Tecnologie degli schermi

1.1 – Lo schermo CRT

1.1.1– Il cinescopio in bianco e nero

1.1.2 – Il cinescopio a colori

1.2 – Lo schermo LCD

1.2.1 – Struttura costruttiva

1.2.2 – Generazione delle immagini

1.2.3 – Pregi e difetti dell’LCD

1.3 – Lo schermo al plasma

1.4 – Gli schermi a LED e OLED

2 – Formati e definizione d’immagine

2.1 – L’immagine televisiva in definizione standard

2.1.1 – Immagine analogica

2.1.2 – Immagine digitale

2.2 – Immagini in alta definizione

2.3 – Le immagini informatiche

3 – Regolazioni d’immagine

3.1 – Geometria

3.2 – Centratura

3.3 – Definizione

3.4 – Conversioni di formato

3.5 – Luminosità

3.6 – Contrasto

3.7 – Colore

3.8 – Parametri specifici

4 – La parte circuitale

4.1 – Le interfacce d’ingresso

4.1.1 – Interfacce analogiche

4.1.2 – Interfacce digitali in definizione standard

4.1.3 – Interfacce digitali in alta definizione

4.1.4 – Interfacce informatiche

4.2 – La sezione di decodifica

5 – Principali funzioni del monitor

5.1 – Mirino per telecamera

5.2 – Riporto d’immagine per regia

5.3 – Verifica di qualità d’immagine

5.4 – Monitoraggio per editing

5.5 – Display di impiego professionale

5.6 – Televisore domestico

6 – I grandi schermi

6.1 – I videoproiettori

6.1.1 – Videoproiettori in tecnologia LCD

6.1.2 – Videoproiettori in tecnologia DLP

6.2 – Il videowall

Capitolo 3 – IL MICROFONO

1 – Principio di funzionamento

1.1 – Il microfono dinamico

1.2 – Il microfono a condensatore

1.3 – Tecnologie costruttive

2 – Microfoni speciali

2.1 – Radiomicrofono

2.2 – Microfono a segnale bilanciato

2.3 – Microfono stereofonico

2.4 – Microfono surround

3 – Le connessioni d’uscita

4 – Parametri caratteristici

4.1 – Sensibilità e Dinamica

4.2 – Fedeltà e risposta in frequenza

4.3 – Impedenza elettrica

5 – La direzionalità

5.1 – Omnidirezionale

5.2 – Unidirezionale cardioide

5.3 – Ultracardioide o Supercardioide

5.4 – Superdirezionale

5.5 – Ulteriori aspetti della direzionalità

6 – Filtri antivento e antipop

7 – I supporti

7.1 – L’impugnatura

7.2 – Il fermaglio

7.3 – La guancia

7.4 – Gli stativi

7.5 – Le aste telescopiche

8 – Il mixer audio

8.1 – Struttura costruttiva

8.1.1 – La parte circuitale

8.1.2 – Il pannello di controllo e comando

8.2 – Modalità d’impiego

Capitolo 4 – IL MIXER

1 – Caratteristiche generali

2 – Struttura costruttiva

2.1 – Il sistema di controllo

2.1.1 – Monitor d’ingresso

2.1.2 – Pre-view monitor

2.1.3 – Programme monitor

2.2 – Il pannello dei comandi

2.2.1 – Barre di selezione

2.2.2 – Leve di commutazione

2.2.3 – Pulsanti effetti

2.3 – La parte circuitale

2.3.1 – Le Interfacce d’ingresso

2.3.2 – L’Unità di sincronismo

2.3.3 – La Matrice dei contatti

2.3.4 – I circuiti di connessione e generazione effetti

2.3.5 – Le Interfacce d’uscita

3 – GLI EFFETTI

3.1 – Stacco (Cut)

3.2 – Dissolvenza (Fade)

3.3 – Tendina (Wipe)

3.4 – Sovrimpressione (Super o Superimpose)

3.5 – Intarsio (Key)

3.5.1 – Il Level Key

3.5.2 – Il Chroma Key

3.6 – Border Line

3.7 – Upstream Key e Downstream Key

3.8 – Effetti digitali

4 – Modalità di impiego

4.1 – Come si effettua la dissolvenza

4.2 – Come si effettua la tendina

4.3 – Combinazione dissolvenza-tendina

4.4 – Come si effettua il Key

4.5 – Generazione di altri effetti

5 – Bilanciamento dei segnali

6 – La consolle di regia

Capitolo 5 – IL VIDEOREGISTRATORE

1 – Registrazione e riproduzione

1.1 – Registrazione e riproduzione magnetica

1.1.1 – Caratteristiche  del nastro

1.1.2 – Caratteristiche del disco rigido

1.2 – Registrazione e riproduzione a semiconduttore

1.2.1 – Caratteristiche delle schede

1.2.2 – Le schede di memoria

1.3 – Registrazione e riproduzione ottica

1.3.1 – Principali parametri

1.3.2 – Tipologie dei dischi

2 – La videoregistrazione a nastro magnetico

2.1 – La tecnica di videoregistrazione

2.1.1 – Registrazione in Composito

2.1.2 – Registrazione in S-Video

2.1.3 – Registrazione in Component

2.1.4 – Registrazione digitale

2.2 – Le piste del videonastro

2.2.1 – La pista Video

2.2.2 – La pista Audio

2.2.3 – La pista Controlli

2.2.4 – La pista Time Code

2.2.5 – La pista Tracking

2.3 – Struttura e funzionamento del videoregistratore

2.3.1 – Le interfacce di ingresso e uscita

2.3.2 – Le interfacce di controllo

2.3.3 – La sezione scorrimento del nastro

2.3.4 – Il complesso delle testine

2.3.5 – I pulsanti di comando

2.3.6 – I dispositivi di editing

3 – L’editor o centralina di montaggio

4 – Principali modelli di videoregistratori

4.1 – Registratori a nastro

4.1.1 – Registratori analogici

4.1.2 – Registratori digitali

4.2 – Registratori a scheda

4.3 – Registratori a disco ottico

4.4 – Sintesi generale sui videoregistratori

Capitolo 6 – LA STAZIONE DI MONTAGGIO

1 – Struttura costruttiva

1.1 – Unità di Input

1.2 – Il Convertitore A/D

1.3 – L’Encoder d’ingresso

1.4 – La Sezione di Elaborazione

1.4.1 – Il microprocessore

1.4.2 – La  memoria RAM

1.4.3 – L’hard disk

1.4.4 – Il videoserver

2 – Il sistema di controllo

2.1 – Il display

2.2 – L’interfaccia grafica

3 – Il software

3.1 – Programmi per editing

3.2 – Programmi per effetti speciali

4 – Come si opera

Capitolo 7 – LE APPARECCHIATURE AUSILIARIE

1 – La titolatrice

2 – La stazione grafica

2.1 – La tavoletta grafica

2.2 – Il software grafico

3 – Il suggeritore o prompter

4 – Il set virtuale

5 – La moviola

6 – I moduli complementari

6.1 – Lo Scaler

6.2 – Il Multiviewer

6.3 – Il Patchpanel

7 – Il telecinema

7.1 – I problemi del riversamento cine-video

7.1.1 – Adeguamento alla cadenza dei fotogrammi

7.1.2 – Adeguamento dei formati d’aspetto

7.2 – Telecinema a videocamera

7.3 – Telecinema a flying-spot

7.4 – Telecinema a sensore di ripresa

8 – Il film recorder

Capitolo 8 – LE LUCI

1 – Le grandezze fotometriche

2 – Regole generali di illuminotecnica

3 – Sorgenti di luce e temperatura colore

4 – Gli illuminatori

4.1 – La lampada

4.1.1 – Lampade a incandescenza con alogeni

4.1.2 – Lampade a scarica con alogenuri

4.1.3 – Lampade a Led

4.2 – Il corpo o involucro

4.2.1 – Il proiettore o spot

4.2.2 – Il diffusore o scoop

4.3 – Il supporto

4.3.1 – L’impugnatura

4.3.2 – La pinza

4.3.3 – I supporti a pavimento

4.3.4 – I supporti a sospensione

4.3.5 – I supporti dinamici

4.4 – Gli accessori

5 – Illuminatori speciali

5.1 – Gli illuminatori digitali integrati

5.2 – Diffusori per cyclorama

5.3 – Proiettore segui-persona

5.4 – I fondigrafi

5.5 – I pannelli riflettenti

5.6 – I proiettori a specchio mobile

6 – L’impianto di illuminazione e regia luci

6.1 – L’impianto in tecnologia analogica

6.2 – L’impianto in tecnologia digitale

6.3 – Indicazioni sull’alimentazione elettrica

6.4 – Indicazioni di regia

7 – La tecnica di illuminazione

7.1 – Luce base

7.2 – Luce principale o chiave

7.3 – Luce correttiva o di riempimento

7.4 – Luce di spalle

7.5 – Luci addizionali

7.6 – Luci d’effetto

8 – Principali situazioni di illuminazione

8.1 – Persona ferma

8.2 – Due persone ferme

8.3 – Gruppo di persone ferme

8.4 – Persone in movimento

Capitolo 9 – GLI STUDI

1 – Architettura generale

2 – La sala di posa o studio

2.1 – Struttura costruttiva

2.2 – Tecniche di dissipazione del calore

3 – La regia o sala controllo

4 – L’area postproduzione

5 – Gli ambienti ausiliari

6 – Lo studio mobile

Capitolo 10 – LE STAZIONI DI EMISSIONE

1 – Struttura generale

1.2 – Area Ingest

1.2 – Area Produzione

1.3 – Area Emissione o Playout

1.4 –  Area Archivio

2 – Il workflow dal tape al tapeless

3 – I videoserver

4 – La rete locale

4.1 – Architettura

4.2 – Supporto di cablaggio

4.3 – Velocità di trasporto

4.4 – Protocollo di dialogo

4.5 – Standard di rete

4.6 – Reti per ambiente video

5 – Il master control

6 – L’andata in onda

SECONDA PARTE

LA PRODUZIONE

Capitolo 1 – IL PROCESSO PRODUTTIVO

1 – Le tre fasi di produzione

2 – Il linguaggio televisivo

2.1 – La Grammatica

2.1.1 – Le inquadrature

2.1.2 – I movimento del soggetto

2.1.3 – I movimenti di camera

2.1.4 – Lo zoom

2.1.5 – Le figurazioni di missaggio

2.1.6 – Figurazioni di montaggio con videoregistratore

2.1.7 – Figurazioni di montaggio con stazione di editing

2.1.8 – Ulteriori figurazioni

2.2 – La Sintassi

2.2.1 – La Sequenza

2.2.2 – Il Ritmo

2.2.3 – I Livelli di visualizzazione

3 – I generi dei programmi

3.1 – Notiziario d’attualità quotidiana

3.2 – Rubriche d’attualità

3.3 – Telecronache sportive

3.4 – Eventi in diretta

3.5 – Programmi culturali

3.6 – Talk show

3.7 – Reality show

3.8 – Le “strisce”

3.9 – Quiz e game-show

3.10 – I serial

3.11 – Gli sceneggiati

3.12 – Lo spettacolo di varietà

4 – I ruoli del personale

5 – La pianificazione produttiva

5.1 – Voci generali

5.2 – Preproduzione

5.3 – Produzione

5.4 – Postproduzione

5.5 – Varie

Capitolo 2 – LA PREPRODUZIONE

1 – La sceneggiatura

1.1 – Impostazione generale

1.2 – Il trattamento

1.3 – Indicazioni e suggerimenti

1.4 – Lo Story-board

1.5 – Modelli informali

2 – Titolazioni e tecniche grafiche

2.1 – Impostazione d’inquadratura

2.2 – Le scritte

2.2.1 – I titoli di testa

2.2.2 – I sottotitoli

2.2.3. – Elenchi e tabelle

2.2.4 – I titoli di coda

2.3 – Disegni e fotografie

2.4 – L’animazione

3 – L’allestimento scenico

3.1 – Il pavimento

3.2 – I fondali

3.3 – Le scene

3.4 – Gli arredi

4 – Il piano di coordinamento

Capitolo 3 – LA PRODUZIONE

1 – Operazioni preliminari

1.1 – Verifica presenze

1.2 – Accensione apparecchiature

1.3 – L’azione informativa

1.4– Approntamento camere

1.5– Approntamento microfoni

1.6 – Controllo dei videoserver

1.7 – Verifica titoli e grafica

1.8 – Verifica colonna musicale

1.9 – Approntamento dei videoregistratori

1.10 – Abbigliamento, trucco e parrucco

2 – Impiego delle camere

2.1 – La numerazione

2.2 – Il posizionamento

2.3 – L’elevazione

2.4 – I movimenti

2.5 – Lo zoom

2.6 – Composizione delle inquadrature

2.7 – Qualche consiglio pratico

3 – Impiego dei microfoni

4 – Posizioni dei personaggi

4.1 – Incontro con un personaggio a carattere di ufficialità

4.2 – Incontro con un personaggio a carattere colloquiale

4.3 – Incontro con due personaggi a carattere di ufficialità

4.4 – Incontro con due personaggi a carattere colloquiale

4.5 – Dibattito con svariati personaggi

5 – L’ospite in studio

5.1 – Informazioni generali per l’ospite

5.2 – Comportamento con l’ospite

6 – Le prove

6.1 – Conduzione generale della prova

6.2 – Annotazioni di ripresa

6.3 – Principali inconvenienti

6.3.1 – Difetti di scena

6.3.2 – Difetti dei personaggi

6.3.3 – Difetti d’inquadratura

6.4 – “Azione!”

7 – La ripresa

7.1 – Esecuzione della ripresa

7.2 – Accorgimenti di regia

7.3 – Il ruolo dell’assistente di studio

8 – Le produzioni in esterni

8.1 – I servizi ENG

8.2 – Servizi in diretta

8.3 – I servizi EFP

Capitolo 4 – LA POSTPRODUZIONE

1 – Il montaggio

1.1 – Il montaggio lineare

1.2 – Il montaggio non lineare

2 – La sonorizzazione

2.1 – Il montaggio audio

2.1.1 – Nell’editing lineare

2.1.2 – Nell’editing non lineare

2.2 – Il doppiaggio

3 – L’editing dei programmi

3.1 – Talk-show e quiz

3.2 – Notiziari e servizi ENG

3.3 – Programmi a soggetto e documentari

3.4 – Spettacoli

4 – L’archiviazione

4.1 – La scheda di identificazione

4.2 – Archiviazione su nastro

4.2.1 – Conservazione del nastro

4.2.2 – Caratteristiche dell’ambiente

4.3 – Archiviazione su videoserver

4.4 – La gestione

4.4.1 – Il database

4.4.2 – I metadati

4.4.3 – I formati di scambio

APPENDICE

1 – L’immagine digitale in 3D

1.1 – Ripresa e Riproduzione

1.2 – Alcune precisazioni

2 – Fruizioni video su web

torna alla scheda del libro >>>

Lingua
Contatti

Vertical Editrice
via Rizzardi 10
20151 MILANO
Tel/Fax +39.024521710
P. IVA 07345320159

Social
Aggiungi a: